Fruizione e Servizi


COME E QUANDO VISITARE LA RISERVA

La sede della Riserva è il Centro visite sito nel comune di Inarzo in Via Patrioti 22, punto di partenza del sentiero principale per una visita alla palude.

La riserva è visitabile tutti i giorni dell’anno, l’accesso è libero e gratuito dall’alba al tramonto lungo i percorsi segnati.

.

Per una passeggiata nella riserva si consigliano scarponcini o stivali in caso di pioggia. D’estate non guasta un prodotto antizanzare! Si ricorda che è necessario seguire i sentieri ed è obbligatorio tenere i cani al guinzaglio.

Per contatti e orari di apertura del centro visite visitare la pagina contatti e mappe.

PERCORSI E STRUTTURE

L’Oasi ha due accessi situati nel comune di Inarzo, consentendo così un percorso ad anello. L'ingresso principale si trova al termine di Via C. Porta ed è raggiungibile a piedi dal Centro Visite (dove è presente un ampio parcheggio) proseguendo su via Patrioti e svoltando a sinistra. Dall’ingresso principale l’ampio sentiero costeggia il torrente Riale, una breve deviazione verso destra conduce agli “stagni didattici”, piccoli stagni artificiali interessanti per l’osservazione della vegetazione e di insetti e anfibi.

Proseguendo sul sentiero principale si possono raggiungere le strutture per il birdwatching, che si affacciano sui “chiari” in cui un tempo veniva cavata la torba. Proseguendo al bivio lungo il sentiero di sinistra, che costeggia il torrente, si arriva al capanno di osservazione “Stefano Bigi”; svoltando a destra invece si giunge all’altro capanno.

Da quest’ultimo tratto imboccando il sentiero che entra nel bosco si giunge all’ultimo punto di osservazione: la schermatura in bambù.

Lungo il sentiero che porta all’uscita, è possibile prolungare la visita fino al “laghetto della Fornace”, imboccando il sentiero a sinistra sul piccolo ponte.

Si completa il giro raggiungendo l’Aula didattica (accesso secondario), sede di corsi e lezioni per le scolaresche, da qui svoltando a destra in via S. Francesco si ritorna in paese.

Una pista ciclopedonale delimita il confine occidentale della Riserva, da Cassinetta di Biandronno a Varano Borghi; essa è anche il raccordo tra l’anello della ciclabile del Lago di Varese e il Lago di Comabbio.

All’interno della zona di Riserva integrale (NON LIBERAMENTE ACCESSIBILE), sono presenti una torretta di osservazione e un capanno galleggiante, il cui accesso al pubblico è tuttavia consentito durante le visite guidate.